Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > Teramo “maglia nera” tra le province abruzzesi per numero di (...)

Teramo “maglia nera” tra le province abruzzesi per numero di morti e feriti negli incidenti E per numero di incidenti si posiziona al 2░ posto dopo Pescara.

11.10.2023

La Provincia di Teramo si aggiudica un triste primato nell’annuale rapporto sull’incidentalitÓ stradale che ACI ed ISTAT pubblicano ogni anno finalizzata a mappare gli incidenti comune per comune con relativi dati su morti, feriti e tipologie di strade. Dai dati relativi all’annualitÓ 2022 emerge infatti che la nostra provincia, con 784 incidenti, si posiziona al secondo posto dopo Pescara che registra 804 incidenti (a seguire 691 incidenti a Chieti e 545 dell’Aquila) ma Ŕ prima sia per numero di morti che di feriti. A Teramo infatti il 2022 ci sono stati 23 morti (segue Chieti con 14 morti, L’Aquila 13, e Pescara 9) ma anche i feriti segnano numeri da maglia nera visto che Teramo conta 1097 feriti (a seguire Pescara con 1.054, Chieti con 1.005 e L’Aquila con 819).
Il maggior numero di incidenti, con 144 casi, li conta Teramo cittÓ capoluogo, e a seguire i comuni costieri quali Giulianova con 84 sinistri, Roseto, con 76 sinistri, Martinsicuro con 63, Pineto 58, Silvi 52, Alba Adriatica 45, Tortoreto 38.
Una classifica negativa che vede Teramo al primo posto tra le province, ma anche numeri tristemente in crescita rispetto al rapporto dell’anno precedente visto che nel 2021 i morti in provincia di Teramo sono stati 15 e i feriti 1088.
źPeraltro il 2023 - commenta Carmine Cellinese, presidente Aci di Teramo - non ci fa ben sperare visto che i dati del 2022 risentivano ancora per qualche mese delle restrizioni Covid, mentre quest’anno le cronache sono state piene di incidenti mortali, l’ultimo oggi, dove ha perso la vita a Giulianova un ragazzo di appena 27 anni╗.
"Le statistiche provinciali elaborate da Aci e Istat - prosegue il presidente - mostrano un ritorno all’incidentalitÓ stradale ai livelli pre-pandemia del 2019. Rispetto al 2019 , l’anno scelto come riferimento per l’obiettivo 2030, 53 province italiane su 107 hanno fatto registrare un aumento del numero dei morti sulle strade e tra queste , purtroppo, c’Ŕ anche Teramo. I numeri delle vittime restano importanti purtroppo - commenta Cellinese - Ŕ per questo che, come ACI non indietreggiamo un centimetro nel lavoro di sensibilizzazione che, specie tra i pi¨ giovani, conduciamo per mettere al primo posto il valore della sicurezza della persona, del rispetto dell’ambiente, della scelta dei veicoli a basso impatto ambientale. Valori che restano importanti oggi, con questi numeri, pi¨ di ieri. Questi numeri ci portano a intensificare le iniziative che svolgiamo per dare messaggi di prudenza per smettere di piangere le vittime, molto spesso giovanissime. La distrazione Ŕ un attimo, vale per un telefonino al volante, come per un bicchiere di troppo. Da parte nostra continueremo a portare avanti quel lavoro di sensibilizzazione istituzionale per fare in modo che le manutenzioni stradali restino una prioritÓ irrinunciabile negli enti preposti, specie per quel che riguarda la viabilitÓ delle aree interne e montane dove si registra il maggior numero di morti".